Antropopoiesi: la domanda fondamentale

Antropopoiesi è la parola del giorno perchè è una parola un po’ strana, un po’ brutta, che ci svela però una risorsa fondamentale per ogni cultura: la domanda su quale umanità vogliamo costruire.

Il bellissimo incontro  di questa mattina con l’antropologo Francesco Remotti ha coinvolto tutti.
A partire dai suoi studi su una popolazione africana dell’attuale Repubblica Democrtica del Congo, Remotti ha esposto la sua teoria sull’impoverimento culturale, sulle sue cause e i suoi effetti.
I pricipali agenti dell’impoverimento culturale di molte società sarebbero stati il cristianesimo e la modernità, descritta, con parole volutamente forti, come una cultura contro la cultura (non nel senso di cultura dotta ma in un senso molto più ampio, quellocomunemente inteso dagli antropologi).
Lungi da me adesso riassumervi il suo intervento, lo potete trovare sul sito del festival perchè ho visto i cameramen che riprendevano tutto, ma volevo rilanciarvi questa domanda un po’ troppo grande forse per parlarne qui, la domanda delle domande:
Quale umanità vogliamo costruire?

Prima o poi da qualche parte, probabilmente avete ragione, non qui, ma insomma in qualche luogo e in un qualche momento dovremo chiedercelo, di nuovo, sempre.

Invece per saperne di più sugli studi di Remotti vi attacco questo link del sito POL:

www.pol-it.org/ital/beneduce2.htm – 25k

Annunci

0 Responses to “Antropopoiesi: la domanda fondamentale”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: